esempio calcolo contributi inps gestione separata regime forfettario 2020

Posted on

Vi segnalo quali sono nel frattempo le casse attualmente presenti: La base di calcolo è il reddito imponibile INPS che andrà considerato al netto delle perdite pregresse  facendo distinzione al fatto che vi sono alcuni che sono iscritti alla gestione separata INPS degli artigiani/commercianti  e che verseranno i contributi INPS sulla base del reddito dichiarato relativo all’anno precedente e poi vi sono anche i lavoratori autonomi privi di altra copertura previdenziale (professionisti “senza cassa”) che verseranno i contributi INPS periodicamente. La riduzione del 35% si applica a tutti e due le tipologie, minimali e proporzionali ma non a tutti i contribuenti come sopra specificato. Come ad esempio i contributi dei lavoratori dipendenti o quelli degli artigiani o commercianti. Saldo contributi INPS 2020 da pagare nel 2021 Il saldo dei contributi è previsto nel caso in cui il reddito 2020 sia superiore al reddito 2019. Grazie. __L__ sottoscritt__ ___________________________________________________________________, nat__ a _____________________________ il __________, cod. Si applica, per l’accredito della contribuzione, la disposizione di cui all’articolo 2, comma 29, della legge 8 agosto 1995, n. 335.”. Vediamo un esempio di calcolo dei contributi e dell’imposta sostitutiva dovuti in Regime forfettario. Non possono accedere  al regime contributivo agevolato neanche  i  soggetti  che  ne  facciano richiesta, ma per i quali si  verifichi  il  mancato  rispetto  delle condizioni di cui al comma 54 nell’anno della richiesta stessa. n. 445 del 28.12.2000. che i dati e le informazioni riportate nella presente richiesta rispondono a verità. Per accedere a questo regime opzionale sarà necessario presentare una domanda ad hoc all’INPS, secondo le modalità indicate con la circolare n. 35 del 19 febbraio 2016 a cui abbiamo dedicato un articolo specifico. Home; Senza categoria; calcolo acconto inps gestione separata 2020; 6 Febbraio 2021 ; 0; calcolo acconto inps gestione separata 2020 Se accederete ad altro regime o ne fuoriuscite, l’agevolazione cessa e si applicheranno le regole ordinarie relative al versamento dei contributi. L’articolo 51 del D.P.R. Calcolo contributi gestione separata e aliquote contributive 2020. È in vendita esclusivamente su Amazon sia in versione cartacea (14,90 Euro) sia in versione Ebook (9,90 Euro) Il calcolo della convenienza tra il regime ordinario e quello forfettario deve tenere anche in seria considerazione la variabile Inps che ha un peso, come visto determinante. Nessuna agevolazione è prevista per i professionisti iscritti alla Gestione Separata INPS. 77. Tuttavia viene prevista la facoltà di aderire ad un regime previdenziale agevolato che prevede una riduzione del 35% dei contributi dovuti. In questo nuovo regime invece c’è un’importante novità in quanto non esiste un contributo minimale INPS, che devo dire annientava i lavoratori autonomi in quanto erano costretti a riversare quello che guadagnavano per il versamento dei contributi INPS facendosi spesso anticipare le somme dai genitori. Il Quadro RR del modello “Redditi 2019-PF” deve essere compilato dai soggetti iscritti alle Gestioni dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali e terziario, nonché dai lavoratori autonomi che determinano il reddito di arte e professione e sono iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335/1995, per la determinazione dei contributi dovuti all’INPS. 5 del Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 2 gennaio 2008). del Tribunale di Roma N. 84/2018 del 12/04/2018. 4/5 (11) . In caso di importi diversi da quelli originari, la codeline deve essere rideterminata secondo i criteri esposti al punto “Compensazione”. Esempio calcolo contributi. Il dato deve essere sempre riportato anche nel caso di importo negativo. Il suo dottore commercialista le dovrà dare dei riscontri e di lui si deve fidare….lo paga apposta per questo ed è tutelato dal fatto che se lui sbaglia si accollerà le canzoni e gli interessi (ha un assicurazione professionale obbligatoria apposta per questo). Al calcolo del contributo dovuto alla Gestione separata, possono concorrere anche altri redditi percepiti dal professionista e soggetti alla stessa Cassa o ad altre Casse previden Se ti interessa conoscere le tasse di un professionista con partita iva in regime forfettario, leggi questo articolo.Per approfondire invece il funzionamento del nuovo regime forfettario, puoi leggere questa guida gratuita. Calcolo dei contributi INPS da versare per partita IVA a regime forfettario 2021. Il minimale di reddito è invece pari a 15.953 euro. “API” (artigiani) e la codeline INPS utilizzata per il versamento del relativo contributo; “CPI” (commercianti) e la codeline INPS utilizzata per il versamento del relativo contributo; “DPPI” nel caso dei liberi professionisti. La tabella comunque dovrebbe essere dedotta dalla tipologia di attività che, in questo caso assimilerei alla gestione separata salvo controindicazioni espresse dell’INPS, Rapportato ai mesi dell’anno dall’inizio a al 31 dicembre. La somma dell’interesse corrispettivo deve essere versata separatamente dai contributi, utilizzando le seguenti causali contributo: Per i commercianti e gli artigiani la rateizzazione può avere ad oggetto esclusivamente i contributi dovuti sulla quota di reddito eccedente il minimale imponibile, con esclusione quindi dei contributi dovuti sul minimale predetto, ancorché risultanti a debito del contribuente nel Quadro RR in quanto non versati in tutto o in parte all’atto della compilazione del modello “Redditi 2019-PF”. Ecco cosa prevede, Contributi INPS artigiani e commercianti 2021, aliquote e scadenze, Riforma della prescrizione: cosa cambia dopo l’intervento di Bonafede, Bonus baby sitter: requisiti, procedura e novità INPS, Bonus telefono, pc o tablet 2021: come funziona e a chi spetta il “kit digitalizzazione”, Stato di emergenza: cos’è, che significa e quanto dura. Calcolo imposte e contributi professionisti e freelance - regime forfettario. Nel nuovo regime definito dal quadro LM della dichiarazione Unico persone fisiche invece dovrete guardare il quadro LM e la base imponibile per il calcolo dei contributi previdenziali INPS sarà data dalla seguente formula: LM6 (Reddito lordo o perdita) – LM9 (Perdite pregresse). Le domande per effettuare le operazioni da ultimo indicate dovranno essere presentate esclusivamente online collegandosi all’indirizzo www.inps.it, al seguente percorso: “Tutti i servizi” > “Cassetto previdenziale artigiani e commercianti” > “Domande telematizzate” > “Compensazione contributiva o Rimborso”. Regime forfettario 2020 e fatturazione elettronica: I contribuenti nel regime forfettario sono esonerati anche dall'obbligo fattura elettronica. L’obbligo del versamento dei contributi è in capo all’azienda committente, che deve eseguire il pagamento entro il 16 del mese successivo a quello di effettiva corresponsione del compenso, tramite il modello “F24” telematico per i datori privati e il modello “F24 EP” per le Amministrazioni pubbliche. Tale rivalsa, ricordiamolo, è per i professionisti senza cassa di previdenza tenuti all'iscrizione alla gestione separata Inps che hanno la facoltà di addebitare in fattura al committente, la maggiorazione 4% del compenso. 1, commi da 76 ad 84, legge 23 dicembre 2014, n. 190), presentando apposita richiesta all’INPS (Circolari INPS n. 29 del 10 febbraio 2015 e n. 35 del 19 febbraio 2016). Con il nuovo regime dei minimi introdotto dalla legge di stabilità 2015 il contributo minimale potrebbe non essere più dovuto: leggi anche le altre novità dal 2015. Rinviando alle analitiche istruzioni previste nel secondo fascicolo del modello “Redditi 2019-PF” appare sufficiente evidenziare che, qualora emergano debiti a titolo di contributi dovuti sul minimale di reddito ed il contribuente intenda regolarizzare la propria posizione tramite modello F24, la codeline da riportare nello stesso è quella prevista per i predetti contributi sul minimale di reddito (codeline del titolare). Attenzione, però: per quanto riguarda il calcolo dei contributi nel modello redditi 2019, non dimentichiamoci che dobbiamo prendere come riferimento le aliquote applicate nel 2018. Per l’anno 2020 il massimale di reddito per il calcolo dei contributi è pari a 103.055 euro. Per i soggetti che, ai sensi dell’articolo 27, commi 1 e 2, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 (Quello che conosciamo come Regime di Vantaggio), convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, hanno adottato il “regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità” la base imponibile viene determinata come segue: Per i soggetti che, ai sensi della legge 23 dicembre 2014, n. 190, come modificata dalla legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Quello che chiamo regime forfettario dei Minimi), hanno aderito al regime contributivo agevolato, la base imponibile viene determinata come segue: Si evidenzia che, ai sensi dell’articolo 3-bis del decreto-legge 19 settembre 1992, n. 384, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 438/1992, la base imponibile per il calcolo della contribuzione dovuta dagli iscritti alle Gestioni degli artigiani e degli esercenti attività commerciali è data dalla somma dei redditi d’impresa denunciati ai fini IRPEF, oltre a eventuali redditi d’impresa denunciati dalla S.r.l. www.crispis.it. quota fissa e i versamenti saranno effettuati in acconto e a saldo, alle scadenze previste per le somme dovute in base alla  dichiarazione dei redditi. La pensione nella gestione Separata si calcola col sistema contributivo. Evita brutte sorprese, inserisci i dati e calcola le imposte e i contributi da versare con il regime forfettario 2016 aggiornato al 2020, anche detto regime dei minimi 2016. Per approfondimenti leggete la Circolare Inps n. 79 del 5 giugno 2009. L’aliquota contributiva è pari al 24%. Premessa obbligatoria: in un contesto normativo frenetico come quello previdenziale italiano ogni tentativo di previsione/simulazione di trattamenti previdenziali futuri è soggetto ad “obsolescenza” o, quantomeno, necessita di essere continuamente rivisto. Il Modello di adesione contenuto nella circolare 29 del 2015 dell’INPS. MI successe una volta di parlare con un operatore e chiedergli consigli a proposito. Le aliquote contributive, da applicare sul reddito effettivo del lavoratore iscritto presso la gestione separata, per il 2021 sono:. Inoltre, l'art. => Regime forfettario, come cambia nel 2020 Fra le 399mila 584 nuove iscrizioni, i forfettari sono risultati 269mila 569, con un incremento dell’11% sul 2018. I titolari di partita IVA in regime forfettario iscritti alla gestione INPS artigiani e commercianti beneficiano della riduzione al 35% dei contributi dovuti. contributo soggettivo) presso le Casse, di cui ai decreti legislativi n. 509/94 e n. 103/1996, e coloro i quali, pur producendo redditi di lavoro autonomo, sono assoggettati per l’attività professionale ad un’altra forma di previdenza assicurativa, come ad esempio le ostetriche iscritte alla Gestione dei commercianti o i maestri di sci. In merito all’individuazione dell’ammontare del reddito da assoggettare all’imposizione dei contributi previdenziali, nel rinviare alle precisazioni fornite con la circolare n. 102 del 12/6/2003, si fa presente che deve essere preso in considerazione il totale dei redditi d’impresa conseguiti nel 2018, al netto delle eventuali perdite dei periodi d’imposta precedenti a seconda delle diverse percentuali introdotte dalla legge 30 dicembre 2018, n. 145, scomputate dal reddito dell’anno. La  cessazione  determina, ai  fini previdenziali, l’applicazione del regime ordinario di  determinazione e di  versamento  del  contributo  dovuto. Fattura regime forfettario 2020 fac simile esempio dicitura flat tax: La fattura regime forfettario è il nuovo modello che i contribuenti che hanno aderito o aderiranno quest'anno, 2020, al regime contabile agevolato così come modificato dalla precedente Legge di Bilancio vista la conferma della flat tax partite Iva 2020 per chi ha ricavi fino a 65.000 euro. Compilazione Modello F24 Contributi INPS Gestione IVS e gestione Separata, http://www.tasse-fisco.com/liberi-professionisti/nuovo-regime-minimi-forfettario-15-limite-ricavi-sintesi/19531/, http://www.tasse-fisco.com/agenti-e-rappresentanti/elenco-codici-ateco-gestione-seprata-inps-autonomi-forfettario-minimi/41368/, http://www.tasse-fisco.com/persone-fisiche/contributi-inps-dopo-pensione-come-recuperarli-supplemento-integrazione-come-esonero/44692/, {"@context":"http:\/\/schema.org\/","@type":"BlogPosting","name":"Contributi INPS 2020 per il Regime Forfettario dei Minimi: Guida al calcolo","description":"Vediamo con una breve Guida in sintesi come i Contribuenti forfettari Minimi\u00a0versano i contributi previdenziali all’INPS, considerando le modalit\u00e0 di calcolo, i dati di cui avrete bisogno per il calcolo ed il versamento, oltrech\u00e9 le scadenze e le novit\u00e0 introdotte dalla Legge di Stabilit\u00e0 2016 e la Manovra Finanziaria 2019. Le odalità di presentazione della domande sono di seguito descritte. www.crispis.it. Il pagamento dovrà essere eseguito con il modello F24 entro le stesse scadenze previste per il pagamento delle imposte sui redditi. In particolare, nel caso della Gestione Separata, farlo non è immediato, perché il sistema differisce dal classico ed è un fondo di previdenza a parte. ((__lxGc__=window.__lxGc__||{'s':{},'b':0})['s']['_198793']=__lxGc__['s']['_198793']||{'b':{}})['b']['_586580']={'i':__lxGc__.b++}; Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie, Soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria, Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL, Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali non è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL, Per favore inserisci il tuo indirizzo email qui, Calcolo contributo a fondo perduto: come funziona e quanto si prende. Eventuali eccedenze, derivanti dall’avere indicato un importo dei contributi sospesi superiore a quello dei contributi dovuti, saranno azzerate. Crispi's Arezzo – Il miglior hamburger in città! Aliquote contributive gestione separata 2021. Oltre al pagamento delle tasse, il più delle volte sarai obbligato anche a pagare i tuoi Contributi Previdenziali all’ INPS oppure alla tua Cassa di previdenza. L’importo eventualmente risultante a credito dalle colonne 19 o 33 del Quadro RR del modello “Redditi 2019-PF” può essere portato in compensazione nel modello di pagamento unificato F24 indicando come periodo di riferimento esclusivamente l’anno 2018 e l’importo che si intende compensare. Giuseppe apre la Partita Iva nel 2019. Come calcolare i Contributi INPS nel Regime Forfettario 2021. Determinata la base imponibile, verrà calcolato il contributo dovuto applicando l’aliquota (24% e/o 25,72%) a seconda se il soggetto sia coperto o meno da altra previdenza obbligatoria. Per i liberi professionisti iscritti alla Gestione separata la base imponibile sulla quale calcolare la contribuzione dovuta è rappresentata dalla totalità dei redditi prodotti quale reddito di lavoro autonomo dichiarato ai fini IRPEF, compreso quello prodotto in forma associata e/o quello prodotto in “regime forfettario” – se adottato dal professionista – per gli esercenti attività di impresa arti o professioni di cui all’articolo 1, commi 54-89, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, o nel regime previsto dall’articolo 27, commi 1 e 2, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98. Eventuali perdite pregresse dovranno essere detratte dal reddito imponibile. Per la contribuzione risultante a credito e non utilizzata in compensazione il professionista deve presentare istanza di rimborso, utilizzando esclusivamente la modalità online collegandosi all’indirizzo www.inps.it, al seguente percorso: “Tutti i servizi” > “Gestione separata” > “Domanda di rimborso”. >>. Si sottolinea che per gli iscritti alle Gestioni degli artigiani o dei commercianti i redditi in argomento devono essere integrati anche con quelli eventualmente derivanti dalla partecipazione a società a responsabilità limitata e denunciati con il modello “Redditi SC” (società di capitali). Il tool per il calcolo calcolo è aggiornato con le novità della Legge di Bilancio 2020 e permette di calcolare le imposte dovute anche con il nuovo regime forfettario 2019. c-bis, i cui compensi, ai sensi dell’articolo 34 della legge 21 novembre 2000, n. 342, sono assimilati a redditi da lavoro dipendente, è riferito a prestazioni effettuate entro il 31 dicembre 2018 e pertanto devono essere applicate le aliquote contributive previste per l’anno di imposta 2018 (24% per i titolari di pensione e per chi è già assoggettato ad altra previdenza obbligatoria; 33,72% per coloro che sono privi di altra previdenza obbligatoria e per i quali non è dovuta l’aliquota aggiuntiva per la Dis-Coll; 34,23% per chi è anche obbligato ad aliquota Dis-Coll). Con questa semplice applicazione è possibile simulare il calcolo dell' imposta da versare in base al nuovo regime forfettario, detto anche regime forfettario agevolato, previsto dalla Legge di Stabilità 2015 (L. 23 dicembre 2014, n. 190, art. inoltre, alle scadenze previste per il pagamento degli acconti, i soggetti obbligati provvederanno anche al versamento della contribuzione di maternità, che è pari ad € 7,44 e che verrà corrisposta in due rate uguali di € 3,72”. Riduzione Contributi INPS per coloro che sono nel Regime Forfettario dei Minimi. __l__ sottoscritt__ dichiara di essere consapevole: _L__ sottoscritt__ ___________________________________________________________________, consapevole delle responsabilità penali e degli effetti amministrativi derivanti dalla falsità in atti e dalle dichiarazioni mendaci (così come previsto dagli artt. Per i titolari di partita IVA lavoratori autonomi o liberi professionisti nel seguito trovate la tabella con le aliquote contributive 2020: Per iniziare vi riporto le nuove aliquote contributive per l’anno 2019 previste per tutti i lavoratori autonomi in modo da appianare farvi comprendere come tutti parlano della tassazione IRPEF ma che in realtà la stangata arriva dai contributi che dovrete versare ogni anno all’INPS. Il regime previdenziale previsto anche per coloro che aderiscono al regime forfettario è quello ordinario previsto per tutti coloro che si iscrivono alla gestione separata. Ne consegue che il versamento dei contributi in favore dei collaboratori di cui all’articolo 50, comma 1, lett. 1, commi 76-84. Analizziamo allora quali sono queste cause di esclusione. Calcolo INPS per gli Iscritti alla Gestione Separata. Money.it srl a socio unico (Aut. Ne consegue che il contributo dovuto in acconto, per l’anno di imposta 2019, dai professionisti senza altra copertura previdenziale obbligatoria è calcolato sulla base imponibile – come sopra determinata – applicando l’aliquota del 25,72%, fino al raggiungimento del massimale annuo pari a 102.543,00 euro, sempre che nel corso dell’anno non sia stato già raggiunto per l’avvenuta percezione di altre tipologie di reddito per le quali vige l’obbligo contributivo in Gestione separata (ad esempio, con reddito percepito in relazione a collaborazione coordinata e continuativa). Per i contribuenti che adottano il regime forfetario è possibile optare per l’applicazione di un regime contributivo agevolato (art. Ora fase qualcuno, forse un commercialista o una caf le potrebbero aver dato da pagare il secondo acconto. Un social media manager in regime forfettario, a fine anno ha avuto un fatturato pari a 25.000 €. Qui segnaliamo l’unica novità che, ai fini contributivi, viene introdotta dal primo gennaio 2016 e consiste nella riduzione del 35% della contribuzione ordinaria INPS al posto della previsione precedente che consentiva la non applicazione dei contributi minimali. La Gestione Separata è nata con la Legge 335/95, la cosiddetta Riforma Dini . L’eventuale residuo del credito riferito all’anno precedente, al netto di quanto compensato, va indicato nel rigo RR8, colonna 7, e dovrà essere oggetto di domanda di rimborso oppure di compensazione contributiva (autoconguaglio). il 16 gennaio 2016 ho aperto la partita iva con il regime forfettario e mi sono iscritta alla gestione separata. Non sono iscritti alla Gestione separata e, conseguentemente, non devono compilare il Quadro RR, sezione II, del modello fiscale né sono tenuti al pagamento dei relativi contributi i professionisti che sono obbligati al versamento della contribuzione obbligatoria previdenziale (c.d. La prima sezione della nostra guida “Partita IVA e INPS” sarà dedicata alla Gestione Separata INPS e, dunque, alla contribuzione dei liberi professionisti che non fanno capo ad un Ordine. La prima rata deve essere corrisposta entro il giorno di scadenza del saldo e/o dell’acconto differito; le altre rate alle scadenze indicate nel modello “Redditi 2019-PF”. Al calcolo del contributo dovuto alla Gestione separata, possono concorrere anche altri redditi percepiti dal professionista e soggetti alla stessa Cassa o ad altre Casse previden Non variano, nel 2020, le aliquote da applicare per determinare i contributi dovuti alla gestione separata Inps, ma aumentano i minimali ed i massimali di reddito, cioè gli importi minimi e massimi ai quali può essere applicata l’aliquota contributiva: il minimale, in particolare, sale a 15.953 euro annui, ed il massimale a 103.055 euro annui. 76. Pertanto, il contributo dovuto deve essere calcolato sui redditi prodotti e denunciati nei quadri seguenti: La somma algebrica dei redditi evidenziati nei sopra descritti quadri deve essere riportata nel rigo RR5, colonna 1, contraddistinta dal codice 1. Soggetti che possono fruire della proroga al 30.04.2021, Soggetti esercenti le attività di cui alle Tabelle 1 e 2 DL Ristori bisa prescindere dai requisiti relativi ai ricavi o compensi e alla diminuzione del fatturato o dei corrispettivi, (Provincia di Bolzano, Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Toscana,Valle d'Aosta, Abruzzo). In calce trovate anche il nuovo articolo dedicato al calcolo del contributo INPS da versare alla gestione separata con il file editabile in xls. Per capire meglio, vediamo un esempio concreto. Con provvedimento prot. I titolari di partita Iva in regime forfettario iscritti alla Gestione separata Inps per professionisti senza obbligo di iscrizione ad un albo calcolano i contributi con aliquota del 25,72% sul reddito dichiarato. La sospensione interessa sia il saldo che gli acconti dovuti nel periodo dell’evento. È la cassa di previdenza per chi svolge lavoro autonomo o collaborazioni coordinate e … Tutti i contribuenti devono obbligatoriamente esservi iscritti. Per le modalità e i termini di versamento dei contributi dovuti in relazione ai compensi erogati entro il 12 gennaio 2019 si rinvia a quanto già precisato nella circolare n. 10/2002. Contributi Inps dai professionisti iscritti alla Gestione separata La seconda sezione del quadro RR, è compilata dai liberi professionisti che sono iscritti alla gestione separata. La riduzione trova applicazione sia per la quota di contributi dovuta sul minimale di reddito che sul reddito eccedente il minimale. Il comma 83 disciplina inoltre che al fine di fruire del regime contributivo agevolato, ossia della riduzione del 35% del contributo dovrete presentare una comunicazione telematica mediante questo formato che trovate in basso predisposto dall’INPS; i soggetti già esercenti attività d’impresa presentano, entro il termine di decadenza del 28 febbraio di ciascun anno, la medesima dichiarazione. Nel rigo RR6, colonna 2, il contribuente deve indicare eventuali contributi relativi agli anni di imposta precedenti all’anno 2017, che sono risultati indebiti e non sono stati richiesti né in compensazione, utilizzando la delega di pagamento unica (mod. Incassando sotto i 35 mila euro? I soggetti di cui al comma  54  esercenti  attività  d’impresa possono applicare (possono per cui è una opzione da esercitare con il modello sopra riportato), ai fini contributivi, il regime agevolato  di  cui ai commi da 77 a 84. Tutto quanto sopra premesso, le aliquote dovute per la contribuzione alla Gestione separata per l’anno 2019 sono complessivamente fissate come segue: In merito alle aliquote di computo che si sono succedute nel tempo nella Gestione separata, si rinvia alla circolare n. 7/2007. I titolari di partita IVA in regime forfettario iscritti alla gestione INPS artigiani e commercianti beneficiano della riduzione al 35% dei contributi dovuti. Partita IVA pensionati e contributi INPS. L’importo da pagare ad ogni scadenza dovrà essere determinato secondo le modalità riportate nelle istruzioni per la compilazione del modello “Redditi 2019-PF” nella parte riguardante “Modalità e termini di versamento – Rateazione”. Il legislatore, ha modificato le aliquote della gestione separata INPS con la Legge di Stabilità 2020, vediamo di seguito cosa ha previsto. Contributi gestione separata INPS 2020: aliquote, massimale e minimale, Bonus assunzioni per giovani e donne: novità con la Legge di Bilancio 2021, Smart working: novità per i dipendenti con il nuovo DPCM? Tool gratuito calcolo imposte Regime Forfettario. Cassa Nazionale di previdenza per gli ingegneri ed architetti; Cassa Nazionale di previdenza ad assistenza per i geometri; Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza dei dottori commercialisti; Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza dei ragionieri e periti commerciali; Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza dei veterinari (ENPAV); Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza dei farmacisti (ENPAF); Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza dei consulenti del lavoro (ENPACL); Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza dei medici (ENPAM); Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza degli infermieri professionali (ENPAPI); Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza degli psicologi (ENPAP); Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza dei chimici, dottori agronomi e dottori forestali, dei geologi (EPAP); Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza dei biologi (ENPAB); Cassa Nazionale di previdenza ed assistenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI). Per i professionisti già pensionati o assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie, per l’anno 2020 l’aliquota è confermata al 24%. Come abbiamo visto, i pensionati che aprono una partita IVA devono iscriversi ad una delle gestioni INPS, versando i relativi contributi: Gestione Separata per i liberi professionisti. Tutte le somme a credito, utilizzate in compensazione entro la data di presentazione della dichiarazione modello “Redditi 2019-PF” tramite modello F24 con anno di riferimento 2017, devono essere riportate esclusivamente nelle colonne 21 o 35 del Quadro RR del modello “Redditi 2019-PF”. Ad esempio se i contributi calcolati sul 2019 erano 6.000 euro e quelli calcolati sui redditi 2020 ammontavano a 7.000, dovrai versare un saldo nel 2021 pari a 1.000 euro che potrai decidere di rateizzare. Esempio: come si calcola il reddito per il nuovo regime forfettario: Il sig. Soggetti che possono fruire della proroga al 30.04.2021, Soggetti esercenti le attività di cui alle Tabelle 1 e 2 DL Ristori bisa prescindere dai requisiti relativi ai ricavi o compensi e alla diminuzione del fatturato o dei corrispettivi, (Provincia di Bolzano, Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Toscana,Valle d'Aosta, Abruzzo). 36 Taglia Americana Scarpe, Pes 2020 Giocatori Classici Master League, Come Presentare Qualcuno In Francese, Sinonimo Di Scivolare, Quale Trix Sei, Livigno Impianti Prezzi, […]

Read More

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Name *